Subscribe to
Opera Today

Receive articles and news via RSS feeds or email subscription.


facebook-icon.png


twitter_logo[1].gif



9780393088953.png

9780521746472.png

0810888688.gif

0810882728.gif

Recently in Performances

Haitink at the Lucerne Festival

Bernard Haitink’s monumental Bruckner and Mahler performances with the Royal Concertgebouw Orchestra (RCO) got me hooked on classical music. His legendary performance of Bruckner’s Symphony No. 8 in C-minor, where in the Finale loosened plaster fell from the Concertgebouw ceiling, is still recounted in Amsterdam.

BBC Prom 45 - Janáček: The Makropulos Affair

Karita Mattila was born to sing Emilia Marty, the diva around whom revolves Leoš Janáček's The Makropulos Affair (Věc Makropulos). At Prom 45, she shone all the more because she was conducted by Jirí Belohlávek and performed alongside a superb cast from the National Theatre, Prague, probably the finest and most idiomatic exponents of this repertoire.

Two Tales of Offenbach: Opera della Luna at Wilton's Music Hall

‘Two outrageous operas in one crazy evening,’ reads the bill. Hyperbole? Certainly not when the operas are two of Jacques Offenbach’s more off-the-wall bouffoneries and when the company is Opera della Luna whose artistic director, Jeff Clarke, is blessed with the comic imagination and theatrical nous to turn even the most vacuous trivia into a sharp and sassy riotous romp.

Britten Untamed! Glyndebourne: A Midsummer Night's Dream

This performance of Britten's A Midsummer Night's Dream at Glyndebourne was so good that it was the highlight of the whole season, making the term ‘revival’ utterly irrelevant. Jakub Hrůša is always stimulating, but on this occasion, his conducting was so inspired that I found myself closing my eyes in order to concentrate on what he revealed in Britten's quirky but brilliant score. Eyes closed in this famous production by Peter Hall, first seen in 1981?

Salzburg encores

A staged piano recital and an opera as a concert.  Pianist András Schiff accompanied the Salzburg Marionette Theater at the Mozarteum Grosser Saal and Anna Netrebko sang Manon Lescaut at the Grosses Festspielhaus.

Leah Crocetto at Santa Fe

On August 4, 2016, soprano Leah Crocetto and accompanist Tamara Sanikidze gave a recital at the Scottish Rite Center in Santa Fe New Mexico. A winner of the Metropolitan Opera Auditions and the BBC Cardiff Singer of the World Contest, this year Crocetto was singing Donna Anna in Santa Fe Opera’s excellent Don Giovanni.

Angela Meade at Sante Fe

On July 31, 2016, against the ethereal beauty of the main hall in the Scottish Rite Center, soprano Angela Meade and pianist Joe Illick gave a recital offering both opera and art songs ranging in origin from early nineteenth century Europe to mid twentieth century America. Many in the audience probably remembered Meade’s recent excellent portrayal of Norma at Los Angeles Opera.

Turco in Italia in Pesaro

When more is definitely more, and less would indeed be less. Two of the biggest names in Italian theater art collide in an eponymous theater.

Proms Chamber Music 5: Shakespeare at 400

It was the fifth Proms Chamber Music concert at Cadogan Hall this season, and we were celebrating Shakespeare’s 400th. And, given the extent and range of the composers and artists, and the diversity and profundity of the musical achievement inspired by the Bard, we could probably keep celebrating in this fashion ad infinitum.

La donna del lago in Pesaro

Each August the bleak and leaky, 12,000 seat Arena Adriatica (home of the famed Pesaro basketball team) magically transforms itself into an improvised opera house that boasts the ultimate in opera chic — exemplary Rossini production standards for its now twelve hundred seats.

Proms at … Sam Wanamaker Playhouse

This highly enjoyable Prom, part of 2016’s ‘Proms at …’ mini-series, took as its guiding concept the reopening of London’s theatres following the Restoration, focusing in particular upon musical and dramatic responses to Shakespeare. Purcell, rightly, loomed large, with John Blow and Matthew Locke joining him. Receiving their Proms premieres were the excerpts from Timon of Athens and those from Locke’s The Tempest.

Santa Fe: Straussian Sweet Nothings

With all the bombast of the presidential campaigns rattling in our heads, with invectives being exchanged and measured discussion all but absent, how utterly lovely to retreat and relax into the harmonious soundscape and well-reasoned debate posed in Strauss’ Capriccio, on magnificent display at Santa Fe Opera.

Santa Fe’s Civil War Gounod

When we entered the Crosby Theatre for Gounod’s Roméo et Juliette the stage was surprisingly dominated by a somber, semi-circular black mausoleum, many chambers inscribed with scrambled names of US Civil War era dead.

Coolly Elegant Vanessa in the Desert

Molten passions were seething just below the icy Nordic exterior of Santa Fe Opera’s wholly masterful production of Barber’s Vanessa.

Le Comte Ory, Seattle

Farce is probably the most difficult of dramatic comedy sub-genres to put across. A farce got up in the stately robes of opera sets its presenters an even higher bar. Presenting an operatic farce on a notoriously chilly and cavernous auditorium is to risk catastrophe.

Racette’s Golden Girl in New Mexico

Fan interest began raging when Santa Fe Opera engaged venerable artist Patricia Racette to make her role debut as Minnie in Puccini’s La Fanciulla del West.

Santa Fe’s Mozart Cast Sweeps All Before It

A funny thing happened on the way to Andalusia.

Die Liebe der Danae in Salzburg

The tale of a Syrian donkey driver. And, yes, the donkey stole the show! The competition was intense — the Vienna Philharmonic and the Grosses Festspielhaus in full production regalia for starters.

Snape Proms: Bostridge sings Brahms and Schumann

Two men, one woman. Both men worshipped and enshrined her in their music. The younger man was both devotee of and rival to the elder.

Cosi fan tutte in Salzburg

This Cosi fan tutte concludes the Salzburg Festival's current Mozart / DaPonte cycle staged by Sven-Eric Bechtolf, the festival's head of artistic planning.

OPERA TODAY ARCHIVES »

Performances

12 Dec 2004

Don Carlo a Firenze

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin...

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin Mehta non abbandona il podio. Il sommesso scambio di chiacchiere in platea e nelle due gallerie si smorza all'improvviso quando un signore con un microfono in mano esce al proscenio e legge un comunicato che grosso modo dice: il teatro fiorentino censura con forza i tagli ai finanziamenti decisi dal governo e, piu in generale, la sempre minor considerazione che ricevono oggi la cultura e soprattutto il teatro d'opera. Ricorda che il teatro stesso è una casa che dà lavoro a centinaia di persone, le quali hanno deciso di rivelarsi al pubblico non con uno sciopero ma mostrando almeno una parte del lavoro che sta "dietro" lo spettacolo che sta andando in scena.

Il sipario si riapre e il cambio avviene a scena aperta. In pochi minuti decine di macchinisti demoliscono la gigantesca tomba di Carlo V nella chiesa di San Giusto e costruiscono al suo posto l'incredibile prospettiva del chiostro, dove Eboli dovrà intrattenere le dame della corte. E mentre giganteschi pilastri gotici si scoprono dipinti su tela e salgono al cielo, mentre calano le arcate del portico e i cipressi che si alzano nel fondo, mentre l'enorme cancellata d'oro che circondava la tomba viene assicurata a funi e fatta letteralmente volar via, scrosciano gli applausi di un pubblico stupefatto e solidale.

Questa imprevista divagazione nella rappresentazione è stata, al di là del suo significato primo e politico, una vera lezione di teatro, un momento che gli spettatori in sala ricorderanno per molto tempo. E, per di piu, incastonato in uno spettacolo straordinario.

Il Comunale di Firenze ha deciso di rappresentare, a giorni alterni e con due cast diversi, la versione in cinque atti e quella in quattro. Come al solito, quando si decide di rappresentare il Don Carlo si finisce sempre per combinare qualche pasticcio col testo utilizzato: evidentemente non basta decidere per una delle diverse versioni disponibili, da quella di Parigi, ovviamente in francese, in cinque atti e col ballo ma con brani eliminati da Verdi dopo la prova generale per accorciare la durata dello spettacolo, a quelle italiane: Bologna 1867, cinque atti col ballo, semplice traduzione in italiano della versione francese; Milano 1884, ridotta a quattro atti; Modena 1886, riportata a cinque atti ma senza ballo. Nel mezzo, altre modifiche apportate in occasione di una ripresa napoletana. Quella rappresentata a Firenze assieme alla versione di Milano (alla quale pero, se ho capito bene, è stata tagliata l'aria del tenore nel primo atto) è stata nella sostanza la versione di Modena ma con l'aggiunta, come si era fatto alla Fenice nel 1973 e alla Scala nel '77, di due dei brani che Verdi aveva tagliato, solo per ragioni pratiche, prima della prima rappresentazione assoluta: il coro di apertura nel bosco di Fointanbleau e il grande concertato in morte di Posa. Brano a cui Verdi teneva evidentemente molto, visto che tolto dal Don Carlos divenne poi il Lacrymosa della Messa di Requiem. Queste contaminazioni fra versioni diverse mi lasciano sempre perplesso. Non sarebbe piu semplice e corretto decidere per una delle possibili versioni autentiche ed eseguirla sic et simpliciter? E, meglio ancora, non sarebbe ora che qualcuno si decidesse a mettere in scena il primo Don Carlos, quello che ando in scena una volta sola alla prova generale dell'opera?

Quante cose si capiscono vedendo, pur con tutte le sue inevitabili approssimazioni rispetto all'originale, questa ricostruzione di uno dei piu celebri allestimenti di Luchino Visconti! Intanto chi non ha l'età per averne fatto esperienza diretta si trova davanti all'immagine evidente di come si faceva spettacolo d'opera fino agli anni Sessanta, e con essa coglie la vera essenza del grande repertorio italiano, il suo essere manifestazione di una cultura popolare che nella grande mogeneizzazione/americanizzazione/standardizzazione di oggi non esiste piu.

Non è facile, adesso, abbandonarsi con atteggiamento "vergine" a queste scene dipinte, a questa assenza di sovrastrutture intellettualistiche, a questo gusto per l'oleografia, a questo modo di fare regia che ha soprattutto due obiettivi che i registi di oggi nemmeno prendono in considerazione. Il primo: concepire movimenti che rispettino le indicazioni del libretto e i suggerimenti dello spartito e raccontino la storia nella maniera il piu possibile chiara e coinvolgente. Il secondo: cogliere le potenzialità spettacolari del libretto e con lui (e non contro di lui o nonostante lui) costruire, per successive aggiunte, quei tableaux vivants che sono una delle caratteristiche drammaturgiche imprescindibili del grand-opéra. Nello spettacolo di Visconti i quadri finali della scena dell'autodafè e del carcere toglievano il respiro tanto erano belli. E realizzati grazie all'ammirevole padronanza della tecnica registica vera, quella che sa muovere e comporre le masse, che sa recuperare i riferimenti figurativi appropriati, che sa cogliere nel testo i suggerimenti per il proprio contributo senza la patetica pretesa di sovrapporre ad esso drammaturgie alternative spesso inconsistenti.

La realizzazione musicale è stata complessivamente di altissimo livello. Non posso purtroppo andare oltre un giudizio genericamente positivo sulla direzione di Zubin Mehta, poiché credo che la mia collocazione nella sala, proprio sopra la banda degli ottoni e le percussioni, abbia falsato parecchio la mia percezione del contributo orchestrale. Immagino che chi stava in posti meno infelici da questo punto di vista abbia sentito un'orchestra molto piu equilibrata di quanto non abbia sentito io.

Al vertice del cast la Eboli di Violeta Urmana e la Elisabetta di Barbara Frittoli. La prima ha un timbro sfarzoso di mezzosoprano unito a una incredibile facilità nel registro acuto che le ha guadagnato vere e proprie ovazioni dopo un trascinante finale di O don fatale. Barbara Frittoli ha una presenza vocale obiettivamente meno consistente, sia per volume che per bellezza del colore. Il personaggio, poi, deve attendere il quinto atto per giocare la sua grande carta. Ma la sua è stata un'Elisabetta giovane, bellissima, piagata e vocalmente impeccabile. Tu che le vanità è stato un momento di grande commozione, anch'esso salutato da un applauso trionfale.

Roberto Scandiuzzi, Filippo II, ha cominciato non bene, con qualche muggito e accenti rudi e poco convincenti, ma è rientrato ben presto nei ranghi e ha fatto un Filippo duro e giovanile, di grande presenza vocale e scenica.

Fabio Armiliato ha dato una prova efficiente, forse non molto approfondita dal punto di vista dell'interpretazione (la fragilità nervosa del personaggio latitava) ma vocalmente sicura e teatralmente disinvolta. Armiliato è un cantante affidabile, che non si strozza negli acuti e recita e interpreta sia col corpo che con la voce. Bisogna dargli atto che senza essere un fuoriclasse ha saputo dare a quest'immensa opera un protagonista efficace.

Meno significativo il Posa dell'ormai onnipresente Carlo Guelfi, statico sia fisicamente che vocalmente e con una discutibilissima e fastidiosa propensione a mettere la voce nel naso. Il timbro, poi, è comune e poco si addice al nobilissimo personaggio di Rodrigo. Gli va dato atto di aver eseguito i molti trilli previsti dalla partitura, o almeno di averci provato. La resa del personaggio, pero, era incompleta.

Nel complesso, comunque, si è trattato di una serata memorabile, nel corso della quale l'immenso affresco verdiano ha ricevuto una realizzazione fra le migliori oggi possibili.

Riccardo Domenichini

Don Carlo will be broadcast by Radio 3 on 16 December at 1800 GMT. Click here for details.

Send to a friend

Send a link to this article to a friend with an optional message.

Friend's Email Address: (required)

Your Email Address: (required)

Message (optional):