Subscribe to
Opera Today

Receive articles and news via RSS feeds or email subscription.


facebook-icon.png


twitter_logo[1].gif



Plumbago_9780993198359_1.png

9780521746472.png

0810888688.gif

0810882728.gif

Recently in Performances

L’equivoco stravagante in Pesaro

L’equivoco stravagante (The Bizarre Misunderstanding), the 18 year-old Gioachino Rossini's first opera buffa, is indeed bizarre. Its heroine Ernestina is obsessed by literature and philosophy and the grandiose language of opera seria.

BBC Prom 44: Rattle conjures a blistering Belshazzar’s Feast

This was a notable occasion for offering three colossal scores whose execution filled the Albert Hall’s stage with over 150 members of the London Symphony Orchestra and 300 singers drawn from the Barcelona-based Orfeó Català and Orfeó Català Youth Choir, along with the London Symphony Chorus.

Prom 45: Mississippi Goddam - A Homage to Nina Simone

Nina Simone was one of the towering figures of twentieth-century music. But she was much more than this; many of her songs came to be a clarion call for disenfranchised and discriminated against Americans. When black Americans felt they didn’t have a voice, Nina Simone gave them one.

Sincerity, sentimentality and sorrow from Ian Bostridge and Julius Drake at Snape Maltings

‘Abwärts rinnen die Ströme ins Meer.’ Down flow the rivers, down into the sea. These are the ‘sadly-resigned words in the consciousness of his declining years’ that, as reported by The Athenaeum in February 1866 upon the death of Friedrich Rückert, the poet had written ‘some time ago, in the album of a friend of ours, then visiting him at his rural retreat near Neuses’. Such melancholy foreboding - simultaneously sincere and sentimental - infused this recital at Snape Maltings by Ian Bostridge and Julius Drake.

Glimmerglass’ Showboat Sails to Glory

For the annual production of a classic American musical that has become part of Glimmerglass Festival’s mission, the company mounted a wholly winning version of Jerome Kern and Oscar Hammerstein II’s immortal Showboat.

Proms at ... Cadogan Hall 5: Louise Alder and Gary Matthewman

“On the wings of song, I’ll bear you away …” So sings the poet-speaker in Mendelssohn’s 1835 setting of Heine’s ‘Auf Flügeln des Gesanges’. And, borne aloft we were during this lunchtime Prom by Louise Alder and Gary Matthewman which soared progressively higher as the performers took us on a journey through a spectrum of lieder from the first half of the nineteenth century.

Glowing Verdi at Glimmerglass

From the first haunting, glistening sound of the orchestral strings to the ponderous final strokes in the score that echoed the dying heartbeats of a doomed heroine, Glimmerglass Festival’s superior La Traviata was an indelible achievement.

Médée in Salzburg

Though Luigi Cherubini long outlived the carnage of the French Revolution his 1797 opéra comique [with spoken dialogue] Médée fell well within the “horror opera” genre that responded to the spirit of its time. These days however Médée is but an esoteric and extremely challenging late addition to the international repertory.

Queen: A Royal Jewel at Glimmerglass

Tchaikovsky’s grand opera The Queen of Spades might seem an unlikely fit for the multi-purpose room of the Pavilion on the Glimmerglass campus but that qualm would fail to reckon with the superior creative gifts of the production team at this prestigious festival.

Blue Diversifies Glimmerglass Fare

Glimmerglass Festival has commendably taken on a potent social theme in producing the World Premiere of composer Jeanine Tesori and librettist Tazewell Thompson’s Blue.

Vibrant Versailles Dazzles In Upstate New York

From the shimmering first sounds and alluring opening visual effects of Glimmerglass Festival’s The Ghosts of Versailles, it was apparent that we were in for an evening of aural and theatrical splendors worthy of its namesake palace.

Gilda: “G for glorious”

For months we were threatened with a “feminist take” on Verdi’s boiling 1851 melodrama; the program essay was a classic mashup of contemporary psychobabble perfectly captured in its all-caps headline: DESTRUCTIVE PARENTS, TOXIC MASCULINITY, AND BAD DECISIONS.

Simon Boccanegra in Salzburg

It’s an inescapable reference. Among the myriad "Viva Genova!" tweets the Genovese populace shared celebrating its new doge, the pirate Simon Boccanegra, one stood out — “Make Genoa Great Again!” A hell of a mess ensued for years and years and the drinking water was poisonous as well.

Rigoletto at Macerata Opera Festival

In this era of operatic globalization, I don’t recall ever attending a summer opera festival where no one around me uttered a single word of spoken English all night. Yet I recently had this experience at the Macerata Opera Festival. This festival is not only a pure Italian experience, in the best sense, but one of the undiscovered gems of the European summer season.

BBC Prom 37: A transcendent L’enfance du Christ at the Albert Hall

Notwithstanding the cancellation of Dame Sarah Connolly and Sir Mark Elder, due to ill health, and an inconsiderate audience in moments of heightened emotion, this performance was an unequivocal joy, wonderfully paced and marked by first class accounts from four soloists and orchestral playing from the Hallé that was the last word in refinement.

Tannhäuser at Bayreuth

Stage director Tobias Kratzer sorely tempts destruction in his Bayreuth deconstruction of Wagner’s delicate Tannhäuser, though he was soundly thwarted at the third performance by conductor Christian Thielemann pinch hitting for Valery Gergiev.

Opera in the Quarry: Die Zauberflöte at St Margarethen near Eisenstadt, Austria

Oper im Steinbruch (Opera in the Quarry) presents opera in the 2000 quarry at St Margarethen near Eisenstadt in Austria. Opera has been performed there since the late 1990s, but there was no opera last year and this year is the first under the new artistic director Daniel Serafin, himself a former singer but with a degree in business administration and something of a minor Austrian celebrity as he has been on the country's equivalent of Strictly Come Dancing twice.

BBC Prom 39: Sea Pictures from the BBC National Orchestra of Wales

Sea Pictures: both the name of Elgar’s five-song cycle for contralto and orchestra, performed at this BBC Prom by Catriona Morison, winner of the Cardiff Singer of the World Main Prize in 2017, and a fitting title for this whole concert by the BBC National Orchestra of Wales conducted by Elim Chan, which juxtaposed a first half of songs of the sea, fair and fraught, with, post-interval, compositions inspired by paintings.

BBC Prom 32: DiDonato spellbinds in Berlioz and the NYO of the USA magnificently scales Strauss

As much as the Proms strives to stand above the events of its time, that doesn’t mean the musicians, conductors or composers who perform there should necessarily do so.

Get Into Opera with this charming, rural L'elisir

Site-specific operas are commonplace these days, but at The Octagon Barn in Norwich, Genevieve Raghu, founder and Artistic Director of Into Opera, contrived to make a site persuasively opera-specific.

OPERA TODAY ARCHIVES »

Performances

12 Dec 2004

Don Carlo a Firenze

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin...

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin Mehta non abbandona il podio. Il sommesso scambio di chiacchiere in platea e nelle due gallerie si smorza all'improvviso quando un signore con un microfono in mano esce al proscenio e legge un comunicato che grosso modo dice: il teatro fiorentino censura con forza i tagli ai finanziamenti decisi dal governo e, piu in generale, la sempre minor considerazione che ricevono oggi la cultura e soprattutto il teatro d'opera. Ricorda che il teatro stesso è una casa che dà lavoro a centinaia di persone, le quali hanno deciso di rivelarsi al pubblico non con uno sciopero ma mostrando almeno una parte del lavoro che sta "dietro" lo spettacolo che sta andando in scena.

Il sipario si riapre e il cambio avviene a scena aperta. In pochi minuti decine di macchinisti demoliscono la gigantesca tomba di Carlo V nella chiesa di San Giusto e costruiscono al suo posto l'incredibile prospettiva del chiostro, dove Eboli dovrà intrattenere le dame della corte. E mentre giganteschi pilastri gotici si scoprono dipinti su tela e salgono al cielo, mentre calano le arcate del portico e i cipressi che si alzano nel fondo, mentre l'enorme cancellata d'oro che circondava la tomba viene assicurata a funi e fatta letteralmente volar via, scrosciano gli applausi di un pubblico stupefatto e solidale.

Questa imprevista divagazione nella rappresentazione è stata, al di là del suo significato primo e politico, una vera lezione di teatro, un momento che gli spettatori in sala ricorderanno per molto tempo. E, per di piu, incastonato in uno spettacolo straordinario.

Il Comunale di Firenze ha deciso di rappresentare, a giorni alterni e con due cast diversi, la versione in cinque atti e quella in quattro. Come al solito, quando si decide di rappresentare il Don Carlo si finisce sempre per combinare qualche pasticcio col testo utilizzato: evidentemente non basta decidere per una delle diverse versioni disponibili, da quella di Parigi, ovviamente in francese, in cinque atti e col ballo ma con brani eliminati da Verdi dopo la prova generale per accorciare la durata dello spettacolo, a quelle italiane: Bologna 1867, cinque atti col ballo, semplice traduzione in italiano della versione francese; Milano 1884, ridotta a quattro atti; Modena 1886, riportata a cinque atti ma senza ballo. Nel mezzo, altre modifiche apportate in occasione di una ripresa napoletana. Quella rappresentata a Firenze assieme alla versione di Milano (alla quale pero, se ho capito bene, è stata tagliata l'aria del tenore nel primo atto) è stata nella sostanza la versione di Modena ma con l'aggiunta, come si era fatto alla Fenice nel 1973 e alla Scala nel '77, di due dei brani che Verdi aveva tagliato, solo per ragioni pratiche, prima della prima rappresentazione assoluta: il coro di apertura nel bosco di Fointanbleau e il grande concertato in morte di Posa. Brano a cui Verdi teneva evidentemente molto, visto che tolto dal Don Carlos divenne poi il Lacrymosa della Messa di Requiem. Queste contaminazioni fra versioni diverse mi lasciano sempre perplesso. Non sarebbe piu semplice e corretto decidere per una delle possibili versioni autentiche ed eseguirla sic et simpliciter? E, meglio ancora, non sarebbe ora che qualcuno si decidesse a mettere in scena il primo Don Carlos, quello che ando in scena una volta sola alla prova generale dell'opera?

Quante cose si capiscono vedendo, pur con tutte le sue inevitabili approssimazioni rispetto all'originale, questa ricostruzione di uno dei piu celebri allestimenti di Luchino Visconti! Intanto chi non ha l'età per averne fatto esperienza diretta si trova davanti all'immagine evidente di come si faceva spettacolo d'opera fino agli anni Sessanta, e con essa coglie la vera essenza del grande repertorio italiano, il suo essere manifestazione di una cultura popolare che nella grande mogeneizzazione/americanizzazione/standardizzazione di oggi non esiste piu.

Non è facile, adesso, abbandonarsi con atteggiamento "vergine" a queste scene dipinte, a questa assenza di sovrastrutture intellettualistiche, a questo gusto per l'oleografia, a questo modo di fare regia che ha soprattutto due obiettivi che i registi di oggi nemmeno prendono in considerazione. Il primo: concepire movimenti che rispettino le indicazioni del libretto e i suggerimenti dello spartito e raccontino la storia nella maniera il piu possibile chiara e coinvolgente. Il secondo: cogliere le potenzialità spettacolari del libretto e con lui (e non contro di lui o nonostante lui) costruire, per successive aggiunte, quei tableaux vivants che sono una delle caratteristiche drammaturgiche imprescindibili del grand-opéra. Nello spettacolo di Visconti i quadri finali della scena dell'autodafè e del carcere toglievano il respiro tanto erano belli. E realizzati grazie all'ammirevole padronanza della tecnica registica vera, quella che sa muovere e comporre le masse, che sa recuperare i riferimenti figurativi appropriati, che sa cogliere nel testo i suggerimenti per il proprio contributo senza la patetica pretesa di sovrapporre ad esso drammaturgie alternative spesso inconsistenti.

La realizzazione musicale è stata complessivamente di altissimo livello. Non posso purtroppo andare oltre un giudizio genericamente positivo sulla direzione di Zubin Mehta, poiché credo che la mia collocazione nella sala, proprio sopra la banda degli ottoni e le percussioni, abbia falsato parecchio la mia percezione del contributo orchestrale. Immagino che chi stava in posti meno infelici da questo punto di vista abbia sentito un'orchestra molto piu equilibrata di quanto non abbia sentito io.

Al vertice del cast la Eboli di Violeta Urmana e la Elisabetta di Barbara Frittoli. La prima ha un timbro sfarzoso di mezzosoprano unito a una incredibile facilità nel registro acuto che le ha guadagnato vere e proprie ovazioni dopo un trascinante finale di O don fatale. Barbara Frittoli ha una presenza vocale obiettivamente meno consistente, sia per volume che per bellezza del colore. Il personaggio, poi, deve attendere il quinto atto per giocare la sua grande carta. Ma la sua è stata un'Elisabetta giovane, bellissima, piagata e vocalmente impeccabile. Tu che le vanità è stato un momento di grande commozione, anch'esso salutato da un applauso trionfale.

Roberto Scandiuzzi, Filippo II, ha cominciato non bene, con qualche muggito e accenti rudi e poco convincenti, ma è rientrato ben presto nei ranghi e ha fatto un Filippo duro e giovanile, di grande presenza vocale e scenica.

Fabio Armiliato ha dato una prova efficiente, forse non molto approfondita dal punto di vista dell'interpretazione (la fragilità nervosa del personaggio latitava) ma vocalmente sicura e teatralmente disinvolta. Armiliato è un cantante affidabile, che non si strozza negli acuti e recita e interpreta sia col corpo che con la voce. Bisogna dargli atto che senza essere un fuoriclasse ha saputo dare a quest'immensa opera un protagonista efficace.

Meno significativo il Posa dell'ormai onnipresente Carlo Guelfi, statico sia fisicamente che vocalmente e con una discutibilissima e fastidiosa propensione a mettere la voce nel naso. Il timbro, poi, è comune e poco si addice al nobilissimo personaggio di Rodrigo. Gli va dato atto di aver eseguito i molti trilli previsti dalla partitura, o almeno di averci provato. La resa del personaggio, pero, era incompleta.

Nel complesso, comunque, si è trattato di una serata memorabile, nel corso della quale l'immenso affresco verdiano ha ricevuto una realizzazione fra le migliori oggi possibili.

Riccardo Domenichini

Don Carlo will be broadcast by Radio 3 on 16 December at 1800 GMT. Click here for details.

Send to a friend

Send a link to this article to a friend with an optional message.

Friend's Email Address: (required)

Your Email Address: (required)

Message (optional):