Subscribe to
Opera Today

Receive articles and news via RSS feeds or email subscription.


facebook-icon.png


twitter_logo[1].gif



Plumbago_9780993198359_1.png

9780521746472.png

0810888688.gif

0810882728.gif

Recently in Performances

Desert Island Delights at the RCM: Offenbach's Robinson Crusoe

Britannia waives the rules: The EU Brexit in quotes’. Such was the headline of a BBC News feature on 28th June 2016. And, nearly three years later, those who watch the runaway Brexit-train hurtle ever nearer to the edge of Dover’s white cliffs might be tempted by the thought of leaving this sceptred (sceptic?) isle, for a life overseas.

Akira Nishimura’s Asters: A Major New Japanese Opera

Opened as recently as 1997, the Opera House of the New National Theatre Tokyo (NNTT) is one of the newest such venues among the world’s great capitals, but, with ten productions of opera a year, ranging from baroque to contemporary, this publicly-owned and run theatre seems determined to make an international impact.

The Outcast in Hamburg

It is a “a musicstallation-theater with video” that had its world premiere at the Mannheim Opera in 2012, revived just now in a new version by Vienna’s ORF Radio-Symphonieorchester Wein for one performance at the Vienna Konzerthaus and one performance in Hamburg’s magnificent Elbphilharmonie (above). Olga Neuwirth’s The Outcast and this rich city are imperfect bedfellows!

Monarchs corrupted and tormented: ETO’s Idomeneo and Macbeth at the Hackney Empire

Promises made to placate a foe in the face of imminent crisis are not always the most well-considered and have a way of coming back to bite one - as our current Prime Minister is finding to her cost.

Der Fliegende Holländer and
Tannhäuser in Dresden

To remind you that Wagner’s Dutchman had its premiere in Dresden’s Altes Hoftheater in 1843 and his Tannhauser premiered in this same theater in 1845 (not to forget that Rienzi premiered in this Saxon court theater in 1842).

WNO's The Magic Flute at the Birmingham Hippodrome

A perfect blue sky dotted with perfect white clouds. Identikit men in bowler hats clutching orange umbrellas. Floating cyclists. Ferocious crustaceans.

Puccini’s Messa di Gloria: Antonio Pappano and the London Symphony Orchestra

This was an oddly fascinating concert - though, I’m afraid, for quite the wrong reasons (though this depends on your point of view). As a vehicle for the sound, and playing, of the London Symphony Orchestra it was a notable triumph - they were not so much luxurious - rather a hedonistic and decadent delight; but as a study into three composers, who wrote so convincingly for opera, and taken somewhat out of their comfort zone, it was not a resounding success.

WNO's Un ballo in maschera at Birmingham's Hippodrome

David Pountney and his design team - Raimund Bauer (sets), Marie-Jeanne Lecca (costumes), Fabrice Kebour (lighting) - have clearly ‘had a ball’ in mounting this Un ballo in maschera, the second part of WNO’s Verdi trilogy and which forms part of a spring season focusing on what Pountney describes as the “profound and mysterious issue of Monarchy”.

Super #Superflute in North Hollywood

Pacific Opera Project’s rollicking new take on The Magic Flute is as much endearing fun as a box full of puppies.

Leading Ladies: Barbara Strozzi and Amiche

I couldn’t help wondering; would a chamber concert of vocal music by female composers of the 17th century be able sustain our concentration for 90 minutes? Wouldn’t most of us be feeling more dutiful than exhilarated by the end?

George Benjamin’s Into the Little Hill at Wigmore Hall

This week, the Wigmore Hall presents two concerts from George Benjamin and Frankfurt’s Ensemble Modern, the first ‘at home’ on Wigmore Street, the second moving north to Camden’s Roundhouse. For the first, we heard Benjamin’s now classic first opera, Into the Little Hill, prefaced by three ensemble works by Cathy Milliken, Christian Mason, and, for the evening’s spot of ‘early music’, Luigi Dallapiccola.

Marianne Crebassa sings Berio and Ravel: Philharmonia Orchestra with Salonen

It was once said of Cathy Berberian, the muse for whom Luciano Berio wrote his Folk Songs, that her voice had such range she could sing the roles of both Tristan and Isolde. Much less flatteringly, was my music teacher’s description of her sound as akin to a “chisel being scraped over sandpaper”.

Rossini's Elizabeth I: English Touring Opera start their 2019 spring tour

What was it with Italian bel canto and the Elizabethan age? The era’s beautiful, doomed queens and swash-buckling courtiers seem to have held a strange fascination for nineteenth-century Italians.

Chameleonic new opera featuring Caruso in Amsterdam

Micha Hamel’s new opera, Caruso a Cuba, is constantly on the move. The chameleonic score takes on a myriad flavours, all with a strong sense of mood or place.

Ernst Krenek: Karl V, Bayerisches Staatsoper

Ernst Krenek’s Karl V op 73 at the Bayerisches Staatsoper, with Bo Skovhus, conducted by Erik Nielsen, in a performance that reveals the genius of Krenek’s masterpiece. Contemporary with Schreker’s Die Gezeichneten, Schoenberg’s Moses und Aron, Berg’s Lulu, and Hindemith’s Mathis der Maler, Krenek’s Karl V is a metaphysical drama, exploring psychological territory with the possibilities opened by new musical form.

A Sparkling Merry Widow at ENO

A small, formerly great, kingdom, is on the verge of bankruptcy and desperate to prevent its ‘assets’ from slipping into foreign hands. Sexual and political intrigues are bluntly exposed. The princes and patriarchs are under threat from both the ‘paupers’ and the ‘princesses’, and the two dangers merge in the glamorous figure of the irresistibly wealthy Pontevedrin beauty, Hanna Glawari, a working-class girl who’s married up and made good.

Mozart: Così fan tutte - Royal Opera House

Così fan tutte is, primarily, an ensemble opera and it sinks or swims on the strength of its sextet of singers - and this performance very much swam. In a sense, this is just as well because Jan Phillip Gloger’s staging (revived here by Julia Burbach) is in turns messy, chaotic and often confusing. The tragedy of this Così is that it’s high art clashing with Broadway; a theatre within an opera and a deceit wrapped in a conundrum.

Gavin Higgins' The Monstrous Child: an ROH world premiere

The Royal Opera House’s choice of work for the first new production in the splendidly redesigned Linbury Theatre - not unreasonably, it seems to have lost ‘Studio’ from its name - is, perhaps, a declaration of intent; it may certainly be received as such. Not only is it a new work; it is billed specifically as ‘our first opera for teenage audiences’.

Elektra at Lyric Opera of Chicago

From the first moments of the recent revival of Sir David McVicar’s production of Elektra by Richard Strauss at Lyric Opera of Chicago the audience is caught in the grip of a rich music-drama, the intensity of which is not resolved, appropriately, until the final, symmetrical chords.

Expressive Monteverdi from Les Talens Lyriques at Wigmore Hall

This was an engaging concert of madrigals and dramatic pieces from (largely) Claudio Monteverdi’s Venetian years, a time during which his quest to find the ‘natural way of imitation’ - musical embodiment of textual form, meaning and affect - took the form not primarily of solo declamation but of varied vocal ensembles of two or more voices with rich instrumental accompaniments.

OPERA TODAY ARCHIVES »

Performances

12 Dec 2004

Don Carlo a Firenze

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin...

Firenze, teatro Comunale. Si rappresenta il Don Carlo nell'edizione in cinque atti, con la ricostruzione dello storico allestimento di Luchino Visconti. A metà del secondo atto il sipario si chiude per il cambio di scena. Mezze luci in sala, Zubin Mehta non abbandona il podio. Il sommesso scambio di chiacchiere in platea e nelle due gallerie si smorza all'improvviso quando un signore con un microfono in mano esce al proscenio e legge un comunicato che grosso modo dice: il teatro fiorentino censura con forza i tagli ai finanziamenti decisi dal governo e, piu in generale, la sempre minor considerazione che ricevono oggi la cultura e soprattutto il teatro d'opera. Ricorda che il teatro stesso è una casa che dà lavoro a centinaia di persone, le quali hanno deciso di rivelarsi al pubblico non con uno sciopero ma mostrando almeno una parte del lavoro che sta "dietro" lo spettacolo che sta andando in scena.

Il sipario si riapre e il cambio avviene a scena aperta. In pochi minuti decine di macchinisti demoliscono la gigantesca tomba di Carlo V nella chiesa di San Giusto e costruiscono al suo posto l'incredibile prospettiva del chiostro, dove Eboli dovrà intrattenere le dame della corte. E mentre giganteschi pilastri gotici si scoprono dipinti su tela e salgono al cielo, mentre calano le arcate del portico e i cipressi che si alzano nel fondo, mentre l'enorme cancellata d'oro che circondava la tomba viene assicurata a funi e fatta letteralmente volar via, scrosciano gli applausi di un pubblico stupefatto e solidale.

Questa imprevista divagazione nella rappresentazione è stata, al di là del suo significato primo e politico, una vera lezione di teatro, un momento che gli spettatori in sala ricorderanno per molto tempo. E, per di piu, incastonato in uno spettacolo straordinario.

Il Comunale di Firenze ha deciso di rappresentare, a giorni alterni e con due cast diversi, la versione in cinque atti e quella in quattro. Come al solito, quando si decide di rappresentare il Don Carlo si finisce sempre per combinare qualche pasticcio col testo utilizzato: evidentemente non basta decidere per una delle diverse versioni disponibili, da quella di Parigi, ovviamente in francese, in cinque atti e col ballo ma con brani eliminati da Verdi dopo la prova generale per accorciare la durata dello spettacolo, a quelle italiane: Bologna 1867, cinque atti col ballo, semplice traduzione in italiano della versione francese; Milano 1884, ridotta a quattro atti; Modena 1886, riportata a cinque atti ma senza ballo. Nel mezzo, altre modifiche apportate in occasione di una ripresa napoletana. Quella rappresentata a Firenze assieme alla versione di Milano (alla quale pero, se ho capito bene, è stata tagliata l'aria del tenore nel primo atto) è stata nella sostanza la versione di Modena ma con l'aggiunta, come si era fatto alla Fenice nel 1973 e alla Scala nel '77, di due dei brani che Verdi aveva tagliato, solo per ragioni pratiche, prima della prima rappresentazione assoluta: il coro di apertura nel bosco di Fointanbleau e il grande concertato in morte di Posa. Brano a cui Verdi teneva evidentemente molto, visto che tolto dal Don Carlos divenne poi il Lacrymosa della Messa di Requiem. Queste contaminazioni fra versioni diverse mi lasciano sempre perplesso. Non sarebbe piu semplice e corretto decidere per una delle possibili versioni autentiche ed eseguirla sic et simpliciter? E, meglio ancora, non sarebbe ora che qualcuno si decidesse a mettere in scena il primo Don Carlos, quello che ando in scena una volta sola alla prova generale dell'opera?

Quante cose si capiscono vedendo, pur con tutte le sue inevitabili approssimazioni rispetto all'originale, questa ricostruzione di uno dei piu celebri allestimenti di Luchino Visconti! Intanto chi non ha l'età per averne fatto esperienza diretta si trova davanti all'immagine evidente di come si faceva spettacolo d'opera fino agli anni Sessanta, e con essa coglie la vera essenza del grande repertorio italiano, il suo essere manifestazione di una cultura popolare che nella grande mogeneizzazione/americanizzazione/standardizzazione di oggi non esiste piu.

Non è facile, adesso, abbandonarsi con atteggiamento "vergine" a queste scene dipinte, a questa assenza di sovrastrutture intellettualistiche, a questo gusto per l'oleografia, a questo modo di fare regia che ha soprattutto due obiettivi che i registi di oggi nemmeno prendono in considerazione. Il primo: concepire movimenti che rispettino le indicazioni del libretto e i suggerimenti dello spartito e raccontino la storia nella maniera il piu possibile chiara e coinvolgente. Il secondo: cogliere le potenzialità spettacolari del libretto e con lui (e non contro di lui o nonostante lui) costruire, per successive aggiunte, quei tableaux vivants che sono una delle caratteristiche drammaturgiche imprescindibili del grand-opéra. Nello spettacolo di Visconti i quadri finali della scena dell'autodafè e del carcere toglievano il respiro tanto erano belli. E realizzati grazie all'ammirevole padronanza della tecnica registica vera, quella che sa muovere e comporre le masse, che sa recuperare i riferimenti figurativi appropriati, che sa cogliere nel testo i suggerimenti per il proprio contributo senza la patetica pretesa di sovrapporre ad esso drammaturgie alternative spesso inconsistenti.

La realizzazione musicale è stata complessivamente di altissimo livello. Non posso purtroppo andare oltre un giudizio genericamente positivo sulla direzione di Zubin Mehta, poiché credo che la mia collocazione nella sala, proprio sopra la banda degli ottoni e le percussioni, abbia falsato parecchio la mia percezione del contributo orchestrale. Immagino che chi stava in posti meno infelici da questo punto di vista abbia sentito un'orchestra molto piu equilibrata di quanto non abbia sentito io.

Al vertice del cast la Eboli di Violeta Urmana e la Elisabetta di Barbara Frittoli. La prima ha un timbro sfarzoso di mezzosoprano unito a una incredibile facilità nel registro acuto che le ha guadagnato vere e proprie ovazioni dopo un trascinante finale di O don fatale. Barbara Frittoli ha una presenza vocale obiettivamente meno consistente, sia per volume che per bellezza del colore. Il personaggio, poi, deve attendere il quinto atto per giocare la sua grande carta. Ma la sua è stata un'Elisabetta giovane, bellissima, piagata e vocalmente impeccabile. Tu che le vanità è stato un momento di grande commozione, anch'esso salutato da un applauso trionfale.

Roberto Scandiuzzi, Filippo II, ha cominciato non bene, con qualche muggito e accenti rudi e poco convincenti, ma è rientrato ben presto nei ranghi e ha fatto un Filippo duro e giovanile, di grande presenza vocale e scenica.

Fabio Armiliato ha dato una prova efficiente, forse non molto approfondita dal punto di vista dell'interpretazione (la fragilità nervosa del personaggio latitava) ma vocalmente sicura e teatralmente disinvolta. Armiliato è un cantante affidabile, che non si strozza negli acuti e recita e interpreta sia col corpo che con la voce. Bisogna dargli atto che senza essere un fuoriclasse ha saputo dare a quest'immensa opera un protagonista efficace.

Meno significativo il Posa dell'ormai onnipresente Carlo Guelfi, statico sia fisicamente che vocalmente e con una discutibilissima e fastidiosa propensione a mettere la voce nel naso. Il timbro, poi, è comune e poco si addice al nobilissimo personaggio di Rodrigo. Gli va dato atto di aver eseguito i molti trilli previsti dalla partitura, o almeno di averci provato. La resa del personaggio, pero, era incompleta.

Nel complesso, comunque, si è trattato di una serata memorabile, nel corso della quale l'immenso affresco verdiano ha ricevuto una realizzazione fra le migliori oggi possibili.

Riccardo Domenichini

Don Carlo will be broadcast by Radio 3 on 16 December at 1800 GMT. Click here for details.

Send to a friend

Send a link to this article to a friend with an optional message.

Friend's Email Address: (required)

Your Email Address: (required)

Message (optional):