Subscribe to
Opera Today

Receive articles and news via RSS feeds or email subscription.


twitter_logo[1].gif



9780393088953.png

9780521746472.png

0810888688.gif

0810882728.gif

Recently in Performances

Guillaume Tell in Monaco

Peasants revolt in a sea of Maserati and Ferrari’s.

LA Opera Presents Figaro 90210

Figaro 90210 is Vid Guerrerio’s modern version of Wolfgang Amadeus Mozart and Lorenzo DaPonte’s 1786 opera, The Marriage of Figaro.

Tristan und Isolde at the Wiener Staatsoper

David McVicar’s production of Wagner’s seminal music drama runs aground on the Cornish coast.

Songs of Night and Travel, Wigmore Hall

The coming of ‘Night’ brings darkness, shadows and mystery; sleep, dreams and nightmares; fancies, fantasies and passions.

Andrea Chénier, Royal Opera

Umberto’s Giordano’s Andrea Chénier, now at the Royal Opera House, is no more about history than Jesus Christ Superstar is about theology.

Yevgeny Onegin in Warsaw

Mariusz Treliński’s staging of Tchaikovsky’s operatic masterpiece is visually fascinating but psychologically confusing

Orfeo at the Roundhouse, Royal Opera

The regal trumpets and sackbuts sound their bold herald and, followed by admiring eyes, the powers of state and church begin their dignified procession along a sloping walkway to assume their lofty positions upon the central dais.

Idomeneo in Montpellier

Vestiges of a momentous era . . .

L’elisir d’amore in Marseille

There were hints that L’elisir is one of the great bel canto masterpieces.

Das Liebesverbot opens the new season at Teatro Verdi in Trieste

Aron Stiehl’s production of this rare early Wagner opera cheerfully brings commedia dell’arte to La Cage aux Folles.

Amsterdam: Lohengrin Lite

Stage director Pierre Audi is not one to be strictly representational in his story telling.

Fidelio, Manitoba Opera

For the first time in its 42-year history, Manitoba Opera presented Beethoven’s mighty ode to freedom, Fidelio, with an extraordinary production that resonated as loudly as tolling bells of freedom.

The Hilliard Ensemble: Farewell Concert at Wigmore Hall

Forty-one years is a long time for any partnership to be sustained and to flourish — be it musical, commercial or marital! And, given The Hilliard Ensemble’s ongoing reputation as one of the world’s finest a cappella groups, noted for their performances of works dating from the 11 th century to the present day, it must have been a tough decision to call an end to more than four decades of superlative music-making.

Fidelio opens new season at La Scala

Daniel Barenboim makes a triumphant departure as direttore musicale del Teatro alla Scala with Beethoven’s operatic masterpiece.

Mahler Songs: Christian Gerhaher, Wigmore Hall

Star singer and star composer, a combination guaranteed to bring in the fans. Christian Gerhaher sang Mahler at the Wigmore Hall with Gerold Huber. Gerhaher shot to fame when he sang Wolfram at the Royal Opera House Tannhäuser in 2010.

Modernity vanquished? Verdi Un ballo in maschera, Royal Opera House, London

Verdi’s Un ballo in maschera at the Royal Opera House — a masked ball in every sense, where nothing is quite what it seems.

La Traviata in Ljubljana Slovenia

Small country, small opera house — big ensemble spirit. Internationally acclaimed soprano Natalia Ushakova steps in for indisposed local Violetta with mixed results.

Otello in Bucharest — Moor’s the pity

Bulgarian director Vera Nemirova’s production of Otello for the Romanian National Opera in Bucharest was certainly full of new ideas — unfortunately all bad.

Il trovatore at Lyric Opera of Chicago

For its current revival of the 2006-2007 production of Giuseppe Verdi’s Il trovatore by Sir David McVicar Lyric Opera has assembled a talented quintet of principal singers whose strengths match this conception of the opera.

Mary, Queen of Heaven, Wigmore Hall

O Maria Deo grata — ‘O Mary, pleasing to God’: so begins Robert Fayrfax’s antiphon, one of several supplications to the Virgin Mary presented in this thought-provoking concert by The Cardinall’s Musick at the Wigmore Hall.

OPERA TODAY ARCHIVES »

Performances

31 Dec 2004

La Cenerentola a Torino

Una piccola ma scelta rappresentanza di questo esimio consesso ha assistito ieri sera alla terzultima rappresentazione de La Cenerentola al Regio di Torino. In una sala strapiena di un pubblico festoso, reattivo e soprattutto devastato dalla bronchite (propongo per il...

Una piccola ma scelta rappresentanza di questo esimio consesso ha assistito ieri sera alla terzultima rappresentazione de La Cenerentola al Regio di Torino. In una sala strapiena di un pubblico festoso, reattivo e soprattutto devastato dalla bronchite (propongo per il futuro di posizionare nel foyer del teatro tinozze di caramelle alla codeina) e' stata rappresentata la nota produzione Ronconi/Palli, nata a Pesaro qualche anno fa. Quella della cicogna, per intenderci.

Salto a pie' pari le considerazioni sulla parte visiva, di cui parlero' a parte.

Appena entrati in teatro, ancora in coda al guardaroba, abbiamo avuto da fonte sicura la ferale notizia che Sonia Ganassi aveva la febbre ma era intenzionata a cantare. In sala, infatti, e' stato dato l'annuncio in forma ufficiale. Che dire? La Sonia stava male e si sentiva. La voce si arrochiva di frequente, in basso tendeva a parire, la coloratura era problematica. Succedeva poi una cosa strana, che non so fino a che punto sia da attribuire all'influenza. Alcuni passi di agilita', tutti quelli con passaggi o scale ascendenti, mettevano la Ganassi in evidente difficolta', ed erano eseguiti quasi a denti stretti e producendo un suono per nulla gradevole. Non so se fosse un tentativo per superare un problema vocale dovuto al malessere, mi piacerebbe sapere da chi ha visto le recite precedenti se ha notato una cosa del genere. Comunque, la Ganassi e' arrivata in fondo da seria professionista qual e' ed e' venuta a capo onorevolmente anche del rondo', seppure utilizzando per le variazioni finali una specie di falsetto che sapeva di forzato ripiego. Per la cronaca, il rondo' ha avuto comunque una discreta e affettuosa ovazione accompagnata da alcuni fischi francamente inopportuni, visto l'evidente stato di malessere in cui si trovava la cantante, che piu' di una volta durante l'opera ha girato la testa per tossire.

Ramiro era Antonio Siragusa, che ha fatto tutto bene e anche benissimo ma ha infilato nella grande aria del secondo atto una serie di acuti decisamente tirati. Lo so, da quando Florez e' sceso fra noi abbiamo avuto la prova evidente della perfezione vocale tenorile. Siragusa e' un ottimo cantante che non si merita un ingiusto paragone con Florez. Diciamo che, dimenticando Juan Diego, il suo e' probabilmente il miglior Ramiro in circolazione oggi.

Esecrabile il Dandini del sempre piu' insopportabile Roberto De Candia, trasandato vocalmente e scenicamente pieno delle solite mossette che rendono i suoi personaggi uno la fotocopia dell'altro. Non mi ha entusiasmato il Magnifico di Andrea Concetti, che ha grande presenza scenica e ottimo impatto nei recitativi, ma da un punto di vista puramente vocale e' un po' insipido. L'aria di entrata e' scivolata via quasi senza un applauso. Bravissimo invece Marco Vinco come Alidoro e, come dire?, simpatiche le due sorelle, di cui non ricordo i nomi. Vocalmente la soprano era a suo modo gradevole (anche se molto stile sopranino/cucu'), ed ha avuto anche l'aria prima del finale reintegrata. L'altra sorella era francamente problematica da ascoltare, ma nell'insieme il duo era molto divertente.

La direzione di Enrique Mazzola mi e' parsa piu' che buona, varia nei tempi e non troppo incline a certi manierismi che ormai sono entrati nella tradizione, come la stucchevole enfasi sulle erre nel concertato del nodo rintrecciato.

Riccardo Domenichini

[This review originally appeared at Opera Seria, a Yahoo group. It is reprinted with the permission of the author.]

Send to a friend

Send a link to this article to a friend with an optional message.

Friend's Email Address: (required)

Your Email Address: (required)

Message (optional):